In cammino con Papa Giovanni: 14/15 aprile a Bergamo

Transitum Padi organizza insieme al Gruppo Amici di Lallio (Bergamo) una due giorni di cammino sui luoghi di Papa Giovanni XXIII, il  14 e 15 aprile 2018.

Programma della 2 giorni

Sabato 14 Da Bergamo a Sotto il Monte

Partenza dalla stazione di Piacenza è alle ore 7.06 con arrivo a Bergamo alle 9,53
Arrivo alla stazione di Bergamo e salita (con mezzi pubblici) al colle di S.Vigilio sopra la città alta. Percorso panoramico, quindi visita alla Bergamo Alta e ai suoi monumenti (Duomo, S.Maria Maggiore, Cappella del Colleoni). Spuntino presso bar del centro. Camminata lungo le mura e discesa alla città bassa.
Alle 16,25 treno per Terno e di qui in 4 km su pista ciclo-pedonale arrivo a Sotto il Monte. Visita alla casa natale del Papa. Sistemazione in ostello (no biancheria e a offerta). Cena in ristorante.

Domenica 15 Sul sentiero di papa Giovanni

Sveglia e colazione al bar. Alle 8 possibilità di assistere alla Messa.
Dopo le 9, con l’arrivo di un gruppo di amici di Lallio, partenza sul sentiero di Papa Giovanni. Si tratta del percorso che il giovane Angelo Roncalli faceva per recarsi al collegio di Celana e di qui a S.Gregorio (ospite del parroco e confessore del collegio).
Percorso collinare (altezza massima 500 m), lunghezza 15 km,  tempo di percorrenza 4 ore. Il tragitto è ben segnalato dal Cai di Bergamo (sentiero J XXIII) ed è contrassegnato da sassi commemorativi che raccontano le tappe della vita del Papa.
Da S Gregorio si scende a Cisano Bergamasco per prendere il treno (ore 15.32) per il rientro, previsto per le 17.51.

Per info: info@transitumpadi.it

Annunci

Sul buon uso della lentezza: giovedì 5 incontro al Capitol di Fiorenzuola

Con la tavola rotonda sul buon uso della lentezza prosegue, giovedì 5 aprile alle 21.00 presso il cinema Capitol di Fiorenzuola, la manifestazione “Passo Passo”, che tra marzo e aprile propone una striscia di cinque appuntamenti sul camminare e sul pellegrinare a passo lento per le strade e tra i boschi. Tra i partecipanti anche la nostra associazione Transitum Padi.

Henry David Thoreasu l’autore di Walden, è nato, ha vissuto ed è morto a Condorcet, un piccolo paesino vicino Boston. In pratica, nei suoi quarantaquattro anni di vita, non si è quasi mai mosso di li. Come scrive lui stesso nelle prime pagine di Walden, però, ha «viaggiato molto a Concord» In effetti, per oltre metà della sua vita ha camminato molto, dalle tre alle quattro ore al giorno, tutti i giorni. Usciva di casa e camminava ogni giorno attraversando gli stessi campi, inoltrandosi negli stessi boschi .. Cosa cercava Thoreau passo dopo passo ritornando sempre, ogni giorno, sugli stessi passi ? E cosa cerca, oggi, chi abbandona le strade più battute e scorrevoli per perdersi nel verde e camminare lungo i sentieri? Questo il tema della tavola rotonda che vedrà confrontarsi le esperienze più disparate lungo i sentieri e i boschi del piacentino. Assieme a naturalisti e camminatori instancabili, intervengono esponenti di associazioni attive nella tutela e valorizzazione del territorio e del tratto piacentino della Via Francigena.

Giovedì 5 Aprile
ORE 21.00 – TAVOLA ROTONDA
Sul buon uso della lentezza – immagini, video e storie sul buon uso della lentezza in terra piacentina

Introduce: Massimiliano Morganti (Assessore alla cultura del Comune di Fiorenzuola d’Arda)
Intervengono: Sergio Efosi; Fausto Ferrari; Luigi Ziotti; Piergiorgio Bensi, Roberto Salini; Stefano Pagani; Patrizia Bernazzani.

Passo a passo, martedì a Fiorenzuola il film “Le energie invisibili”

Prima serata martedì 20 Marzo per la rassegna cinematografica promossa presso il Cinema Capitol con al centro il viaggio lento e il cammino: dal 20 marzo al 19 aprile, con cadenza settimanale, in programma film, presentazioni di libri, incontri con gli autori, approfondimento con esperti, naturalisti e guide turistiche.

MARTEDI’ 20 MARZO ORE 21.00
Le energie invisibili
di Luca Contieri (Italia, 2017), 58’

Serata promossa in collaborazione con “Fiorenzuola in movimento”

Introduce: Barbara Vascelli (guida turistica)

Interviene: Luca Contieri

Transitum Padi è partner della manifestazione,energie invisibili in ottima compagnia: a collaborare sono anche Via Francigena European Association, Council d’Europe, Via dei Monasteri Regi, Circolo culturale Valtolla, Fiorenzuola in movimento, Associazione culturale Terre Piacentine e Officine Gutenberg cooperativa sociale.

Passo a passo, rassegna sul viaggio lento al Capitol di Fiorenzuola

Sempre più persone riservano spazio, nella loro vita, alla conquista di una maggiore consapevolezza di sé. E sono sempre di più le persone che, alla conquista di una maggiore consapevolezza di sé, si mettono sulle tracce degli antichi pellegrini. Ogni anno sono oltre duecentomila le persone che intraprendono il “Cammino di Santiago de Compestela”. Altre decine di migliaia percorrono invece la “Via Francigena”.

Fatta la tara delle mode, il fenomeno è reale, e l’iniziativa promossa presso il Cinema Capitol tra il 20 marzo e il 19 di aprile, con cadenza settimanale, si propone di delimitarne i contorni. In programma film, presentazioni di libri, incontri con gli autori, approfondimento con esperti, naturalisti e guide turistiche.

Tranistum Padi è partner della manifestazione, in ottima compagnia: a collaborare sono anche Via Francigena European Association, Council d’Europe, Via dei Monasteri Regi, Circolo culturale Valtolla, Fiorenzuola in movimento, Associazione culturale Terre Piacentine e Officine Gutenberg cooperativa sociale.

 

Questo il programma delle serate:

 

Martedì 20 Marzo

ORE 21.00 – PROIEZIONE DEL FILM
Le energie invisibili
di Luca Contieri (Italia, 2017), 58’

Serata promossa in collaborazione con “Fiorenzuola in movimento”

Introduce: Barbara Vascelli (guida turistica)
Interviene: Luca Contieri

 

 

Martedì 27 Marzo

ORE 21.00 – PROIEZIONE DEL FILM

Il Ritorno sui Monti Naviganti

di Alessandro Scillitani (Italia, 2017), con Paolo Rumiz
Interviene: Alessandro Scillitani

 

Giovedì 5 Aprile

ORE 21.00 – TAVOLA ROTONDA
Sul buon uso della lentezza: immagini, video e storie sul buon uso della lentezza in terra piacentina

Introduce: Massimiliano Morganti (Asessore alla cultura del Comune di Fiorenzuola d’Arda)
Intervengono: Sergio Efosi; Fausto Ferrari; Luigi Ziotti; Transitum Padi, Roberto Salini; Stefano Pagani; Patrizia Bernazzani.

 

Giovedì 12 Aprile

ORE 21.00 – SECONDO NATURA LE RICETTE DEL VIVERE SANO
Interviene: Dott. Pietro Mozzi

 

Giovedì 19 Aprile

ORE 21.00 – PROIEZIONE DEL FILM
Sei vie per Santiago di Lydia B. Smith (USA, 2015)

Serata promossa in collaborazione con “Fiorenzuola in movimento”
Introduce: Sami Tawfik (Project Manager Associazione Europea Vie Francigene)

Intervengono: Fausto Ferrari (camminatore), Giuseppe “Leo” Leonelli (autore del libro Santiago).

energie invisibili

Assemblea annuale di Transitum Padi: un bilancio del 2017 e i progetti per il 2018

Venerdi 17 novembre, presso il salone della Parrocchia di San Lazzaro, si è svolta l’Assemblea annuale dell’associazione Transitum Padi alla presenza di una trentina di soci.
Nell’introdurre l’incontro a nome del Consiglio Direttivo il presidente ha sollecitato il coinvolgimento di un maggior numero di soci nella gestione dell’associazione, mettendo a questo scopo a disposizione il mandato del consiglio prima della scadenza statutaria. I diversi interventi, pur rilevando la necessità di migliorare incisivamente la comunicazione verso i soci, hanno proposto la conferma del Consiglio uscente,
integrato con quei soci che hanno già collaborato nella conduzione dell’associazione.

Nel corso dell’incontro il Consiglio ha fornito un resoconto dell’attività svolta nel corso del 2017 e formulato alcune proposte per il 2018.
L’attività dell’Associazione nel 2017 si è sviluppata lungo tre linee direttrici

Promozione della Via Francigena e delle Vie storiche
L’attività di promozione delle Vie storica perseguita attraverso :
– Il consolidamento dei rapporti con i soggetti che operano su queste tematiche: Associazione Europea Vie Francigene, Rete dei Cammini, Sentiero del Tidone, Circolo Biffulus
– L’attuazione di iniziative comuni : la giornata dei Cammini (7 maggio), Colombans Day (2 luglio), Convergenze Rete Cammini (16-17 settembre), Escursione Rocca d’Olgisio;
– La condivisione di momenti conviviali con gli amici di tali associazioni: Corona a Corte Sant’Andrea, Biffulus a Soprarivo, Rocca d’Olgisio.

Presidio del tratto piacentino della Via Francigena
Il presidio del tratto provinciale della Via Francigena è stato attuato attraverso:
– La valutazione delle criticità presenti nel percorso ( guado Trebbia per interruzione ponte verso San Nicolò, uscita da Piacenza verso Fiorenzuola, tratto Montale-Fiorenzuola, guado Chiavenna) e definizione di soluzioni
– L’esame della segnaletica sia ufficiale che “privata” presente sul percorso e dei miglioramenti da apportare.

Accoglienza pellegrini all’Ostello del Montale
L’esperienza di accoglienza dei pellegrini all’Ostello del Montale è stata sviluppata da fine marzo a fine ottobre da un gruppo di circa 8 persone con la presenza all’ostello nei pomeriggi di martedì e venerdì.
Questa attività ha permesso di venire a contatto con i pellegrini di passaggio e con le loro problematiche, oltre che con cultura diverse.
Sotto il profilo organizzativo questo intervento non ha modificato le modalità di accesso e fruizione dell’ostello (recupero delle chiavi, pulizia e manutenzione dell’ostello) che sono rimaste inalterate rispetto agli anni precedenti.

Linee di sviluppo per il 2018
L’attuazione degli impegni statutari dell’associazione richiede di formulare programmi di più ampio respiro lungo le tre direttrici sopra indicate intorno a cui chiamare ad operare nuovi soci.

Per il 2018 questo si può sintetizzare con tre obiettivi:

– Creazione di un forum di tutte gli enti e associazioni dei cammini storici operanti sul territorio (Via Abati, Via Monasteri Regi, Transitum Padi, Associazione Amici San Rocco, Bifolus, Ostello Fiorenzuola,..) che si ponga come obiettivo di migliorare la Via sul nostro territorio in termini di percorsi, segnaletica , ospitalità,…
– Proporre, come associazione, una revisione dei percorsi e dei siti di ospitalità segnalati dalle guide utilizzate dai pellegrini e studiare una piano d miglioramento della segnaletica da sottoporre agli enti locali (in primis Comune Piacenza)
– Studiare ed attuare una gestione del’accoglienza al’ostello del Montale che crei un effettivo valore aggiunto rispetto alla positiva gestione attuata in questi anni dalla Parrocchia.

L’assemblea si è conclusa con una cena a base di piatti poveri del pellegrino medioevale: zuppa di ceci, salame cotto con patate, biscotti, vino e……

Nasce l’Atlante digitale dei Cammini d’Italia

Una rete di sentieri, percorsi, tratturi, strade asfaltate che attraversa l’Italia come fosse un sistema venoso. E’ l’Atlante dei Cammini che dal 4 novembre è online sul sito del ministero dei Beni culturali (www.camminiditalia.it). Un modo nuovo per incentivare il turismo lento e far conoscere una parte del Belpaese che sta ai margini dei classici itinerari di visita, ma è altrettanto bella. Nel portale ci sono le mappe con relative informazioni su distanza, segnaletica, snodi relative a 41 Cammini. È, però, soltanto l’inizio: la geografia dell’andare senza fretta e in modo sostenibile è ben più vasta e quelli inseriti per il momento nell’Atlante sono i percorsi che avevano le carte in regola secondo gli standard internazionali.

Undici requisiti di ammissione 
Il progetto nasce nel 2016, l’anno che il ministero dei Beni culturali ha dedicato ai Cammini. L’idea del portale per valorizzare 6.600 chilometri di itinerari naturalistici, culturali, religiosi, storici viene sviluppata da un comitato composto dal ministero, le regioni, le province autonome e l’Anci (l’associazione dei comuni). Vengono messi a punto 11 criteri che ogni Cammino deve soddisfare per essere inserito nell’Atlante digitale. Dagli enti locali sono arrivate 113 proposte, ma solo 41 hanno per ora superato il vaglio.

Dalla via Appia al sentiero dei briganti 
Nel portale ci cono i Cammini dedicati ai santi, come quello di San Francesco o di San Benedetto, il Cammino di Dante, che attraversa i luoghi dove il Sommo poeta visse in esilio e scrisse la Divina Commedia, quello dei briganti, come il sentiero che attraversa l’Aspromonte, quello della Pace, che ripercorre i luoghi della prima guerra mondiale. Eppoi ci sono i Cammini più conosciuti , come la via Appia o la via Francigena, per i quali i Beni culturali ha stanziato 60 milioni di euro per miglioramenti infrastrutturali (per esempio, la segnaletica) e l’adeguamento degli itinerari ai modelli internazionali.

Al bando la fretta 
La parola d’ordine è: turismo lento e sostenibile. I Cammini, infatti, si inseriscono nel più generale progetto, delineato dal Piano strategico 2017-2022, di un’Italia visitabile a piedi, a cavallo, in bicicletta, lungo le ferrovie storiche o su quelle dismesse (in treno o in ferrociclo). Una rete capillare e spesso interconnessa fatta non solo di itinerari, ma anche di punti di ristoro, pernottamento e assistenza per camminatori e ciclisti (da qui l’iniziativa di recupero delle case cantoniere e dei beni demaniali inutilizzati) e di spazi dedicati all’artigianato, all’enogastronomia e alla più generale conoscenza dei territori che si attraversano.

Non una vacanza ma un’esperienza
«È un progetto pensato – ha sottolineato il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini – per quanti vogliono, e sono sempre di più, vivere il nostro Paese, andando al di là di una semplice vacanza. Per i visitatori che amano immergersi in quel patrimonio diffuso di arte, buon cibo, paesaggio e spiritualità che rappresentano l’essenza dell’Italia. Dobbiamo programmare queste trasformazioni, pensarle con almeno due anni di anticipo per poterle realizzare per bene. Posso già dire che dopo il 2018 dedicato al cibo, il 2019 sarà l’anno del turismo sostenibile. Qualcuno dirà: “ma ci sono le elezioni”. È vero, ma chi verrà dovrà assumersi la responsabilità di continuare o lasciar perdere».

Al via il catasto dei sentieri
Franceschini ha anche annunciato il catasto dei sentieri, in via di realizzazione con il Cai (il Club alpino italiano) e ha ribadito che l’Atlante dei Cammini è solo agli inizi. Come ha, infatti, spiegato il responsabile della direzione turismo dei Beni culturali, Francesco Palumbo, le altre proposte dovranno mettersi al passo e adeguarsi agli 11 criteri , «tra i quali sono di particolare importanza la fruibilità dei percorsi, la segnaletica orizzontale e verticale, la descrizione online della tappa, i servizi di alloggio e ristorazione entro i cinque chilometri dal percorso, la manutenzione del Cammino garantita dagli enti locali, la georeferenziazione e le informazioni per i viaggiatori».

da ilsole24ore.com

http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-11-04/nasce-l-atlante-digitale-cammini-visitare-l-italia-senza-fretta-121906.shtml?uuid=AEBgXa3C&refresh_ce=1