Progetti

Rendere realmente percorribile la Via Postumia (senza dover camminare sulla strada statale, vero proposito di suicidio) significa individuare un percorso pedonale da percorrere in sicurezza. Abbiamo tracciato un percorso che, ancorché più lungo di circa 2 km. rispetto alla statale, permette di transitare per strade sicure attraversando siti di particolare interesse ambientale e storico. Il tracciato percorre in parte la “via Po”, ciclabile molto interessante per l’ambiente che attraversa. Quando sarà pronta la passerella sul torrente Tidone, si potrà evitare il breve tratto sulla strada statale, abbreviando considerevolmente il percorso. Stiamo “segnando ” questo tracciato con il pellegrino giallo e frecce bianche. Il tracciato raggiunge Soprarivo (o Calendasco a scelta) per proseguire poi lungo il percorso classico. Nella sezione tappe viene evidenziato in modo particolareggiato tutto il tragitto da C. S. Giovanni a Piacenza.

Il percorso individuato dal Ministero per i beni culturali,  http://www.librari.beniculturali.it/generaNews.jsp?id=164 finalmente permette al pellegrino di abbandonare la via Emilia per raggiungere Fiorenzuola d’Arda per strade sicure. Già altri avevano tracciato vie alternative alla via Emilia, ma questa proposta ci sembra la più concreta senza eccessivi allungamenti (32 km. da Piacenza a Fiorenzuola); non attraversa proprietà private, che con il prevedibile aumento di flusso dei pellegrini potrebbero costituire un ostacolo. Altri percorsi  erano stati segnalati per 27/28 km. attraversando strade vicinali e private, oltre che percorrere la via Emilia fino a Pontenure per superare appunto il torrente Nure. E’ in atto il test del percorso (sono già stati evidenziati un paio di tratti da correggere) e di conserva la relativa segnatura.

Uno dei progetti che ci sta più a cuore è la proposta di attività  alle scolaresche (percorsi guidati, lezioni a tema ecc.) sulla via Francigena; stiamo prendendo contatti con le prime scuole per iniziare l’attuazione del progetto

Siamo impegnatissimi nel progettare, unitamente ad alcune amministrazioni locali, le giornate di maggio lanciate dalla Rete dei Cammini. Il programma completo delle giornate verrà pubblicato con congruo anticipo sul sito.